Ok

In primo piano

In primo piano
"Resto al Sud" - Autoimpiego
#Resto al Sud: dal 15 gennaio le domande a Invitalia
“Resto al Sud” 2019
12 Mln per i ''Pagamenti agroambientali''
2° Bando “Il sole a scuola”
Ad aprile i primi bandi PSR
Agevolazioni alle imprese
Agevolazioni alle imprese
Agevolazioni alle imprese
Agevolazioni alle imprese
Agevolazioni Cooperative
Agricoltura
Agricoltura - Bando Misura 126
Agricoltura Misura 124 del PSR
Agricoltura Misura 125 ASSE 1
Agricoltura: 15milioni di euro in arrivo
Agricoltura: 63 mln per rilancio settore
AGRICOLTURA: FORMAZIONE SCORTE
AGRICOLTURA: FORMAZIONE SCORTE
Agricoltura: Misura 112 PSR
Agricoltura: Pmi finanziamenti
Agriturismo
Aiuti alle commesse
Aiuti alle imprese
Aiuti alle imprese in fase di avviamento
Aiuti all'occupazione
Aiuti de minimis
Aiuti di Stato: nuova normativa
Aiuti per le imprese di Messina
Alluvione del 1 Ottobre 2009
Approvata la graduatoria dei Gal
Approvate le graduatorie
Artigiani: al via 4 Bandi!
Artigiani: riduzione INAIL
Asili Nido
Autoimpiego Invitalia:
Autoimpiego: seminario a Messina
Autoimprenditorialità Invitalia
Autoimprenditorialità: si cambia 'Nuove imprese a tasso zero'
Bandi Agriturismo
Bandi Artigiani
Bandi per Artigiani
Bando Biomasse
Bando commercio
Bando Commercio "a sportello"
Bando E-commerce 2006
Bando efficienza energetica per il Sud
Bando FIPIT 2015
Bando Imprese di Qualità
Bando imprese di Qualità
Bando INAIL ISI 2014
Bando INAIL ISI 2016
Bando ISI INAIL 2015
Bando macchinari: stop domande!
Bando RES: nuova proroga
Bando Res: prorogata la scadenza!
Bando ricettività turistica
Bando Start-up in arrivo dal Mise
Brevetti: finanziamenti al via
BUON LAVORO! Vademecum
Calabria: Giovani Imprenditori
Calabria: Il Prestito d'Onore
Camere di Commercio
Centri Commerciali Naturali
Centri Commerciali Naturali
Cinema
Commissione Europea
Comunicazione PEC entro il 29.11.2011
Consolidamento Passività Onerose
Consolidamento passività onerose
Contributi Videosorveglianza
Contributi agli esercizi urbani
Contributi alle imprese
Contributi autotrasporto
Contributi fino all'80%
Contributi in conto interessi alle imprese
Contributi INAIL
Contributi micro imprese
Credito di esercizio
Credito d'imposta
Credito d'imposta Sicilia
Credito d'imposta Sicilia
Credito per investimenti
Da Artigiancassa 30 mln di euro
De Minimis a 500mila euro.
Diagnosi energetiche e SGE
Direttive Nautica da Diporto
Direttive porti turistici
Direttive Ricerca e Innovazione
Direttive turismo
Edifici pubblici e storici
Efficienza Energetica (POI)
Efficienza Energetica 2015
Energia dal sole
Finanziamenti imprese turistiche
Finanziaria 2008
Finanziaria 2008
Fondi all'imprenditoria giovanile
FONDI RESTYLING VIGNETI
FONDI RESTYLING VIGNETI
Fondi Ue: + efficacia & trasparenza
Fondo di Garanzia
Fondo di garanzia
Fondo di Kyoto
Fondo Garanzia
Fondo Innovazione Tecnologica
Formazione Professionale
Graduatorie Misura 4.15 A Por Sicilia
Guide
Guide
Impianti di videosorveglianza
Impianti sportivi
Imprenditoria Femminile
IMPRENDITORIA GIOVANILE
Imprese femminili e giovanili
Imprese in fase di avviamento (De Minimis)
Imprese turistiche siciliane
Imprese turistiche: presto bando
In arrivo 4 milioni di euro
In arrivo decreto e bando
INAIL 2010 - INCENTIVI IMPRESE
INAIL 2010 - INCENTIVI IMPRESE
INAIL: Bando ISI 2015
INAIL: bando Sicurezza
Inail: Bando Sicurezza 2011
Incentivi al Sud
Incentivi per i brevetti
Incentivi per il design
Incentivi per le certificazioni delle PMI
Internazionalizzazione
Invitalia: Autoimprenditorialità e Autoimpiego
Invitalia: esauriti i fondi
ISI AGRICOLTURA 2016
Legge 266/97
Legge 266/97
Legge 266/97: Bando chiuso
Legge 266/97: Incentivi automatici
Legge 488
Legge 488 e crisi economica
Legge 488/92 - Bandi 2006
Legge 488/92 - Bandi 2006
Mezzogiorno: Fondazione Sud
Microcredito Donne
Ministero Lavoro e Politiche Sociali
NEW!!! Credito d'imposta
NEW!!!! Credito d'imposta
NEWS! ZFU Sicilia Decreto direttoriale 16 giugno 2014.
Nuova Sabatini
Nuove agevolazioni fiscali
Nuove imprese
Nuove imprese a tasso zero
'Nuove imprese a tasso zero'
Occupazione giovanile
PESCA
Pesca
PMI vittime di mancati pagamenti
PMI: la 'Nuova Sabatini' in G.U.
PMI: Piano anticrisi UE
Poi Energia
Por Calabria
Por Sicilia 2000-2006
Por Sicilia 2007-2013
Por Sicilia 2007-2013
POR Sicilia: Direttive Artigiani
POR Sicilia: Direttive Artigiani
POR: presto bandi per artigiani e commercianti
POR2007/13: Direttive Alberghi
Portualita' Turistica
Posta Certificata obbligatoria
Premio "Oscar Masi"
Prevenzione e sicurezza
Produzione di biomasse
Promozione energie rinnovabili
Promozione energie rinnovabili
Provvedimenti per l'agricoltura
Ragusa, incentivi alle imprese
Recupero edifici centri storici
Reggio Calabria
Regione Sicilia
Regione Siciliana: Por 2007/13
Registrazione Marchi
Ricerca, da UE 7 mld investimenti
Ricettività alberghiera
Rilancio e sviluppo delle Pmi
Sabatini-Ter
Scadenza prorogata al 02 aprile!!!
Scuola. L'INAIL per la sicurezza
Scuola: Cultura della sicurezza
Semplificazione: impresa in 1 giorno
Sicilia antiracket
Sicilia/Artigianato
Sicilia/Pesca
Sicilia/Turismo
SICILIA/TURISMO
SICILIA/TURISMO
SICILIA/TURISMO
Sicilia: abolito art.17 Finanziaria
Sicilia: aiuti all'occupazione
Sicilia: attivato Numero Verde
Sicilia: attività commerciali
Sicilia: attività commerciali
Sicilia: Credito agevolato
Sicilia: Credito di imposta
Sicilia: occupazione
Sicilia: Ricerca e Sviluppo
Sicurezza - HACCP - Privacy.
Smart&Start al via
Sottomisura 4.01.b1 P.O.R. Sicilia
Sottomisura 4.02.b P.O.R. Sicilia
Sviluppo e Innovazione
Tirocini: Progetto IN.LA. Sicilia
Turismo: 125 mln per le imprese siciliane
Vendere in tempo di crisi
Visco Sud - Credito d'imposta
ZFU Regione CALABRIA
ZFU: in arrivo nuovi bandi
Zone franche urbane

POR2007/13: Direttive Alberghi

DIRETTIVE BANDI OFFERTA TURISTICO-ALBERGHIERA DEL PO FESR 2007-2013

Fesr 2007/2013, direttive alberghi

DIRETTIVE PER LA DEFINIZIONE DEI BANDI PER L’ATTUAZIONE DELLA LINEA D’INTERVENTO OFFERTA TURISTICO-ALBERGHIERA DEL PO FESR 2007-2013.

La linea d'intervento del FESR prevede “Azioni per l’attivazione, la riqualificazione e l’ampliamento dell’offerta ricettiva locale e delle correlate attività di completamento, da realizzarsi nelle aree a vocazione turistica, mediante riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente, con particolare riferimento ad edifici storici e di pregio siti nei centri storici, nei borghi marinari, ed agli edifici della tradizione rurale, garantendone le condizioni di accessibilità alla pubblica fruizione ed in relazione alla capacità dei territori di sopportare il carico antropico derivante dai predetti insediamenti produttivi e con processi produttivi rispettosi dell’ambiente (ctg. nn° 6, 9, 57)”

Soggetti beneficiari delle risorse in relazione alla linea d’intervento del PO FESR 2007-2013.

I soggetti che possono richiedere e beneficiare delle agevolazioni sono le piccole e medie imprese, così come definite dal Regolamento CE n°800 del 06.08.2008, che operano positivamente da almeno un triennio, che realizzano gli investimenti in Sicilia nelle aree di copertura geografica indicate, che gestiscono o intendano intraprendere la gestione delle attività ricettive di cui all'art. 3 della L.R. 06.04.1996, n°27, all'art. 11 della L.R. del 20.08.1996, n°38 e all’art.30 della L.R. del 10.12.2001, n°21.

Individuazione delle attività economiche appartenenti alla filiera turistica a cui destinare le risorse in relazione alla linea d’intervento del PO FESR 2007-2013.

Sono individuate le seguenti attività a cui destinare le risorse:

-Attività ricettive alberghiere ed extralberghiere;

-Attività di ristorazione correlate ad una attività ricettiva esistente;

-Attività sportive correlate ad una attività ricettiva esistente;

-Attività inerenti il benessere fisico della persona correlate ad una attività ricettiva esistente.

-Attività inerenti la congressualità correlate ad una attività ricettiva esistente.

Le attività succitate devono essere realizzate mediante utilizzo del patrimonio immobiliare già esistente con particolare riferimento ad edifici storici e di pregio siti nei centri storici, nei borghi marinari, ed agli edifici della tradizione rurale.

Le attività ricettive alberghiere sono quelle definite dall’art. 3 della L.R. del 06.04.1996, n°27, dall’art.11 della L.R. del 20.08.1996, n°38 e dall’art. 30 della L.R. del 10.12.2001, n°21, di seguito specificamente elencate:

-alberghi;

-motels;

-villaggi albergo;

-residenze turistico alberghiere;

-campeggi;

-villaggi turistici;

-esercizi di affittacamere;

-case ed appartamenti per vacanze;

-case per ferie,

-ostelli per la gioventù,

-rifugi alpini;

-aziende turistico residenziali;

-turismo rurale.

Sono escluse le attività e gli alloggi agrituristici in quanto di competenza dell’Assessorato Regionale Agricoltura.

Settore e tipologia di attività ammissibili.

Il settore è quello turistico – alberghiero ed in riferimento alle attività economiche della filiera del turismo individuate si precisano le seguenti tipologie di attività ammissibili:

-Attivazione di nuova attività ricettiva;

-Ampliamento di attività ricettiva esistente;

-Riqualificazione di attività ricettiva esistente;

-Riattivazione di attività ricettiva esistente;

-Attivazione di nuove attività di completamento correlate ad una struttura ricettiva esistente

-Ampliamento di esistenti attività di completamento correlate ad una struttura ricettiva esistente

-Riqualificazione di esistenti attività di completamento correlate ad una struttura ricettiva esistente

Tutte le suddette tipologie di attività ammissibili potranno realizzarsi esclusivamente attraverso interventi di riconversione e riqualificazione edilizia del patrimonio immobiliare già esistente.

Per una migliore comprensione si definiscono:

1)“attivazione” il programma che, attraverso la rifunzionalizzazione del patrimonio immobiliare esistente realizza una nuova struttura produttiva;

2)attraverso nuova occupazione e utilizzo di nuovi fattori produttivi, realizza una nuova unità locale;

3)“ampliamento” il programma che, attraverso un incremento dell’occupazione e degli altri fattori produttivi, sia volto ad accrescere la potenzialità delle strutture esistenti;

4)“riqualificazione” il programma volto al miglioramento, sotto l’aspetto qualitativo, della struttura ricettiva esistente con l’incremento della valutazione della classificazione;

5)“riattivazione” il programma volto al ri-utilizzo di una struttura esistente inattiva.

Modalità di presentazione delle domande di contributo.

Le procedure sono articolate nelle seguenti fasi:

-Il Dirigente Generale del Dipartimento Turismo predisporrà apposita circolare esplicativa e bando per la linea d’intervento 3.3.1.4, esaurite le procedure di cui all’art.65 comma 1 della L.R. n°9/2009.

-La domanda di partecipazione al bando dovrà essere presentata dai titolari delle imprese turistiche entro il termine perentorio di giorni 120 dalla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.

-La domanda di partecipazione dovrà essere presentata esclusivamente presso gli uffici indicati nel bando.

-La domanda và corredata da una scheda tecnica, da un businnes plan e dalla documentazione espressamente indicata nella predetta circolare.

-La valutazione delle domande sarà affidata ad un soggetto esterno per l'attività d'istruttoria, di valutazione e di gestione dei progetti d'investimento, selezionato ai sensi del comma 5 dell’art. 185 della L.R. del 23.12.2000 n°32.

-L’Assessorato nominerà infine, attingendo dall’apposito albo, un verificatore – collaudatore (esterno all’Amministrazione) per ciascuno dei programmi di investimento.

Requisiti di ammissibilità.

Requisito della capacità economica dell’impresa

Potranno partecipare esclusivamente le piccole e medie imprese così come definite da Regolamento CE n°800 del 06.08.2008, e che;

-siano già iscritte nei relativi registri delle imprese e costituite sotto forma di società regolari;

-abbiano restituito integralmente le eventuali somme dovute per i procedimenti di revoca di agevolazione di qualsiasi natura precedentemente concesse dalla Regione Siciliana per i quali, alla medesima data, siano inutilmente decorsi i termini per le opposizioni ovvero sia stata pronunciata sentenza definitiva;

-non rientrino tra le imprese in difficoltà, così come definito dall’art. 1 § 7 del Regolamento CE n°800 del 06.08.2008 e dagli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà;

-dimostrino di possedere adeguate risorse economiche al fine di garantire la quota di investimento non coperta dal contributo.

Requisito dell’intervento in patrimonio immobiliare esistente

Tutte le tipologie di attività ammissibili dovranno esse realizzate esclusivamente attraverso interventi di riconversione e riqualificazione edilizia del patrimonio immobiliare già esistente.

Requisito dell’ubicazione territoriale

Gli interventi di attivazione, ampliamento e riqualificazione delle attività ricettive, realizzati esclusivamente attraverso interventi di riconversione e riqualificazione edilizia del patrimonio immobiliare già esistente, dovranno essere ubicati nel territorio della Sicilia.

Requisito della certificazione energetica dell’edificio

Gli immobili in cui sono realizzate le attività, mediante interventi di riconversione e riqualificazione edilizia del patrimonio immobiliare già esistente, dovranno possedere la certificazione energetica dell’edificio in conformità al DM del 26.06.2009 del Ministero dello sviluppo economico.

Requisito del livello di progettazione

I programmi ammessi saranno esclusivamente quelli corredati da un progetto tecnico definitivo contenente i seguenti elaborati:

-Relazione descrittiva redatta in conformità dell’art.26 del DPR n°554/1999

-Elaborati grafici redatti in conformità dell’art.30 del DPR n°554/1999

-Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici redatto in conformità dell’art.32 del DPR n°554/1999;

-Computo metrico estimativo redatto in conformità dell’art.34 del DPR n°554/1999;

-Quadro economico. Al fine di una verifica della rispondenza gli importi risultanti da quadro economico dovranno rifluire negli appositi punti dell’allegato tecnico del businnes plan.

Il progetto tecnico dovrà possedere, alla data di presentazione dell’istanza di partecipazione al bando, tutte le autorizzazioni necessarie per la realizzazione dell’intervento edilizio (concessione, autorizzazione) ai sensi della normativa urbanistica ed edilizia vigente rilasciate dagli Enti territoriali competenti (Comuni, Province, Genio civile, Soprintendenze, Forestale).

Requisito del rapporto esistente o potenziale tra l’intervento e la fruizione di attrattori turistici e culturali

L’impresa dovrà consegnare una apposita analisi espressa in termini qualitativi e quantitativi che illustri il potenziale incremento dei flussi turistici a seguito dell’investimento in relazione agli attrattori turistico-culturali esistenti nell’ambito territoriale circostante e con particolare riferimento alle presenze turistiche ipotizzate negli otto mesi non estivi.

Criteri di selezione

A ogni criterio dovrà essere attribuito un punteggio valutativo compatibile con l’intervento proposto.

I punteggi correlati alle priorità saranno esplicitati in sede di circolare e si riferiranno alle seguenti voci:

Priorità alta

-Interventi in edifici storici e di pregio siti nei centri storici, nei borghi marinari, e interventi in edifici della tradizione rurale;

-Localizzazione dell’intervento in:

a)aree ad elevata potenzialità turistica in presenza di attrattori archeologici e/o monumentali, rilevati dal “Piano paesistico” approvato con D.A. n°6080 del 21.05.99;

b)comune facente parte dei “Parchi regionali” o “Riserve Naturali Orientate o Integrali”;

c)comune sede di portualità turistica di cui al § 6.2.5. del “Piano Strategico per lo sviluppo della nautica da diporto in Sicilia” approvato con D.A. n°69 del 26.05.06.

d)borghi marinari e rurali;

e)centri storici;

f)sistemi turistici maturi (rapporto tra il numero di posti letto operativi nel comune ed il numero di abitanti residenti con un indice di maturità corrispondente ad almeno 20 pl ogni 100 abitanti);

-tipologia dell’intervento in relazione all’ubicazione, privilegiando le strutture di più alto livello e qualità nei sistemi turistici maturi e le strutture ricettive di livello più basso o di tipologia diversa rispetto agli alberghi nella aree ad elevata potenzialità turistica e nei borghi rurali;

-criteri di efficienza amministrativa: solidità del crono – programma e qualità del Piano gestionale;

-interventi mirati all'accessibilità e fruizione da parte di soggetti diversamente abili;

-utilizzo di beni confiscati alla malavita organizzata.

Priorità bassa

-esperienza specifica dei soggetti proponenti;

-interventi proposti da imprese a prevalente partecipazione femminile/giovanile;

-capacità di realizzare un sensibile incremento di flussi turistici nell’area di riferimento in un’ottica di destagionalizzazione e/o di diversificazione;

-criteri di impatto sociale ed economico: occupazione diretta e indotta, stima degli investimenti privati attivati;

-grado di correlazione dell’intervento con i progetti integrati che insistono sulla medesima area

criteri di efficienza amministrativa: solidità del crono-programma e qualità del Piano gestionale;

-capacità del progetto di creare/potenziare nuove aggregazioni di filiere per la fruizione-valorizzazione del prodotto turistico;

-grado di integrazione con altri interventi/progetti riguardanti il sostegno dello sviluppo turistico e la valorizzazione del patrimonio culturale anche a valere su altri Programmi (POR FSE, FEASR FEP, POIN Attrattori culturali, ecc.) o con quelli realizzati nel precedente periodo di programmazione;

-introduzione e la diffusione di nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Criteri di selezione VAS

-Soggetti e/o imprese o sistemi d’imprese che posseggano o abbiano avviato la procedura per l’adesione a sistemi di gestione ambientale (-EMAS) e/o per l’etichettatura ambientale di prodotto (Ecolabel, Dichiarazione Ambientale di Prodotto)

-Interventi che prevedono l’introduzione di Eco-innovazioni di processo e di prodotto per il contenimento delle pressioni ambientali e per la riduzione del consumo delle risorse non rinnovabili (risparmio idrico ed energetico, riduzione emissioni in atmosfera e della produzione e pericolosità dei rifiuti, utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, riutilizzo delle acque reflue;

-Interventi che utilizzano criteri di edilizia ecosostenibile.

Modalità di erogazione delle rate di contributo e di rendicontazione.

Il regime di aiuti all’investimento iniziale, conformemente alle condizioni e limiti previsti dal Regolamento (CE) n°800 del 06.08.2008, consiste nell’erogazione di contributi in conto impianti di intensità pari al 50 per cento dell’importo delle spese ammissibili dei progetti presentati dalle piccole imprese, ed al 40 per cento dell’importo delle spese ammissibili dei progetti presentati dalle medie imprese.

Il contributo massimo concedibile per ogni progetto è pari a otto milioni di euro (anche in presenza di progetti il cui valore superi i 16 milioni di euro.

Le quote di erogazione del contributo sono stabilite, per tutte le tipologie d’intervento, in numero di 3 (tre) di eguale importo.

Modalità d’istruttoria e di redazione delle graduatorie d’ammissione al finanziamento.

Il Dirigente Generale del Dipartimento Turismo predisporrà apposito bando con procedura valutativa a graduatoria e relativa circolare esplicativa per la linea d’intervento 3.3.1.4 contenente tutte le modalità di partecipazione, di istruttoria e di formazione della graduatoria, nonché le ulteriori circostanze che danno luogo a revoca o annullamento in autotutela, rispetto a quelle indicate ai commi 5 e 6 dell’art.18 della legge regionale 9/2009. Con apposita procedura ad evidenza pubblica si procederà all'individuazione del soggetto esterno per la valutazione delle domande.

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria disponibile per l’attuazione del regime di aiuto di cui al presente bando è di € 125.057.130,10 (pari al 70% di € 178.653.043 quali risorse deliberate dalla Giunta Regionale con atto n° 83/09 )

Fonte: www.lipari.biz

Data notizia: 31/10/2009

a cura di Peppe Paino


Segnala ad un amico Versione stampabile
Note legali
DownloadDownload
Bandi e circolariBandi e circolari
Link utiliLink utili
GraduatorieGraduatorie
Centro Nazionale Studi Ricerche Turismo
Il sito fà uso di cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione, Continuando la navigazione, accetti integralmente la nostra politica sulla Privacy e utilizzo dei cookies
X
 P. I.V.A.: 02 763 420 839
Torna su