Ok

Startup di Impresa

Elenco opportunità
Autoimpiego
Autoimpiego (Franchising)
Autoimpiego (Lavoro autonomo)
Autoimpiego (Microimpresa)
Imprenditoria femminile e giovanile
Microcredito
Nuove imprese a tasso zero
Resto al Sud
SELFIEMPLOYMENT

Imprenditoria femminile e giovanile

Le misure disponibili per i giovani fino a 35 anni e per le donne

Le misure disponibili per i giovani fino a 35 anni e per le donne


ATTENZIONE!!!

Il Decreto Legge n. 145, emanato dal Governo il 23 dicembre 2013, ha istituito un nuovo regime di aiuto per l’Autoimprenditorialità, la misura gestita da Invitalia per le imprese giovanili (D.Lgs. 185/2000 – Titolo I).

Rilevanti sono le novità che riguardano la misura.

Il nuovo regime di aiuto sarà pienamente operativo con l’emanazione, da parte di Mise e MEF del Regolamento di Attuazione, che indicherà anche le modalità di presentazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

Le agevolazioni, rinnovate dal mese di ottobre 2015, sono ora conosciute con il nome “Nuove imprese a tasso zero”.

vedi: http://www.imprendendo.it/startup.asp?articolo=7



Autoimprenditorialità

L'Agenzia promuove la creazione di imprese o l'ampliamento di quelle già esistenti a condizione che la loro maggioranza, numerica e di capitali, sia detenuta da giovani di età compresa tra 18 e 35 anni e residenti nei territori agevolati.

I progetti d'impresa possono riguardare le seguenti attività:

1. Produzione di beni nei settori dell'agricoltura , dell'industria o dell'artigianato e fornitura di servizi in favore delle imprese. Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000

2. Fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manutenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell'innovazione tecnologica, dell'agricoltura e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agroindustriali. Investimenti previsti non superiori a € 516.000

3. Cooperative sociali per la produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi all'imprese. Investimenti previsti non superiori a € 516.000

Le agevolazioni finanziarie previste riguardano:

* gli investimenti (contributo a fondo perduto e mutuo agevolato*)

* le spese di gestione (contributo a fondo perduto)

* la formazione (contributo a fondo perduto)

La sede legale, operativa e amministrativa della società deve essere ubicata in uno dei comuni agevolabili previsti dall'attuale normativa.

Per accedere alle agevolazioni occorre presentare apposita domanda e allegare il piano d'impresa (business-plan) che descriva la validità tecnica, economica e finanziaria dell'iniziativa, con particolare riguardo alla redditività, alle prospettive di mercato e alla copertura dei fabbisogni finanziari.

Il processo di valutazione e attuazione della legge 185/2000 è certificato ISO 9001 per garantire trasparenza e certezza sia per il committente (Ministero dello Sviluppo Economico) sia per le imprese beneficiarie.


Segnala ad un amico Versione stampabile
Note legali
DownloadDownload
Bandi e circolariBandi e circolari
Link utiliLink utili
GraduatorieGraduatorie
Centro Nazionale Studi Ricerche Turismo
Il sito fà uso di cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione, Continuando la navigazione, accetti integralmente la nostra politica sulla Privacy e utilizzo dei cookies
X
 P. I.V.A.: 02 763 420 839
Torna su